Voghera: sarà la dott.ssa Bossi a dirigere il reparto di “Pediatria e Nido”

28

ASST Pavia, con delibera n.751 dell’11 ottobre 2021, ha conferito l’incarico quinquennale di  Dirigente Medico responsabile di struttura complessa “Pediatria e Nido Voghera” alla  dott.ssa Grazia Bossi, che prenderà servizio a far data dal 1 gennaio 2022, all’Ospedale di  Voghera e all’articolazione organizzativa “nido” dell’Ospedale di Broni-Stradella.  La dott.ssa Bossi ha conseguito la laurea in Medicina presso l’Università degli Studi di Pavia,  le specialità in Pediatria (1992) e in Malattie Infettive (1996), nel medesimo ateneo e il Master  di II livello in Allergologia e Immunologia Pediatrica Avanzata presso l’Università Tor Vergata  di Roma (2010). A partire dal 1994, è stata Dirigente Medico presso l’UOC Pediatria della  Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, responsabile del Reparto di Degenza e dell’Ambulatorio di Infettivologia Pediatrica. Dal 2010 ad oggi ha ricoperto l’incarico di Alta  Specializzazione per le Malattie Rare nella medesima UOC. Ha maturato la propria  esperienza lavorativa in ambito oncoematologico e pediatrico (pediatria generale e  specialistica). Ha partecipato alla redazione di linee guida nazionali per alcune malattie  rare. E’ professore a contratto presso la Scuola di Specializzazione in Pediatria dell’Università  di Pavia. La Struttura Complessa di Pediatria e Nido dell’Ospedale di Voghera comprende due  sezioni, una pediatrica e una neonatale, strutturalmente separate, poste sullo stesso piano,  in contiguità alla sala parto (parto fisiologico ed operatorio). L’Unità Operativa ha come mission l’assistenza a soggetti in età evolutiva (0 – 15 anni), affetti  da patologia medica e chirurgica. L’equipe medica e infermieristica ha competenze  specifiche pediatriche ed opera in spazi appositamente progettati per rispondere alle  esigenze dei bambini/adolescenti e delle loro famiglie. L’approccio multidisciplinare che  caratterizza l’organizzazione della UOC è funzionale al raggiungimento degli obiettivi che  la contraddistinguono: assistenza specialistica al paziente pediatrico e supporto alla sua  famiglia; contenimento della durata della degenza e continuità dell’assistenza dopo la  dimissione; attuazione di modalità assistenziali alternative al ricovero. L’interazione costante tra il reparto di degenza, i servizi ambulatoriali, i medici e i servizi territoriali, costituisce la  premessa fondamentale per l’attuazione di una rete assistenziale pediatrica efficiente e  capillare. Particolare impegno è dedicato agli aspetti dell’accoglienza e all’ottimizzazione  dei servizi in linea con quanto espresso nella “Carta dei diritti dei bambini e degli  adolescenti in ospedale”. Il Nido dell’Ospedale di Broni-Stradella fa parte dell’Unità Operativa di Pediatria e Nido  dell’Ospedale di Voghera. Vengono svolte le attività di: assistenza neonatale sia in Sala  Parto che nella area Degenza Nursery, attività ambulatoriale, consulenze  neonatali/pediatriche per il Pronto Soccorso, punto prelievi pediatrico. Questi servizi sono operativi con le medesime modalità organizzative del presidio  ospedaliero di Voghera. La Degenza Nursery comprende un’ampia stanza per soggiorno neonati con finestra per  esposizione ai parenti; due stanze di medicazione, una stanza per isolamento, una stanza  per allattamento. Viene effettuato il “rooming in” durante le ore diurne. Vengono ricoverati  neonati di età gestazionale superiore a 35 settimane e con patologie che non necessitano  di terapia intensiva, in questo caso, secondo accordo regionale, i neonati vengono  tempestivamente trasferiti con l’attivazione dello STEN (Sistema Trasporto Emergenza  Neonatale) alla U.O. di TIN (Terapia Intensiva Neonatale) del Policlinico San Matteo di  Pavia, provvisto di personale ed attrezzature dedicate o, in mancanza di disponibilità, in  altro Reparto di Terapia Intensiva Neonatale lombardo. L’assistenza in sala parto viene svolta nella stanza chiamata “Isola Neonatale”  opportunamente attrezzata e adiacente la Sala Parto. 

NOTA – QUESTO TESTO È STATO PUBBLICATO INTEGRALMENTE COME CONTRIBUTO ESTERNO. QUESTO CONTENUTO NON È PERTANTO UN ARTICOLO PRODOTTO DALLA REDAZIONE DE: “IL PERIODICO OLTREPÒ” I COMUNICATI STAMPA NON RIFLETTONO NECESSARIAMENTE LE IDEE DELLA REDAZIONE DE “IL PERIODICO OLTREPÒ”, PERTANTO NON CE NE ASSUMIAMO LA RESPONSABILITÀ.

Articolo precedenteLungavilla: operaio metalmeccanico ma con un grande sogno, fare l’artista
Articolo successivoNegli anni ‘70 e ‘80 i politici dell’Oltrepò si facevano “anche” i fatti loro, oggi “solo” i fatti loro. di Antonio La Trippa