Volpara – Archivio della memoria: racconti e foto d’epoca nel paese del Moscato

223

Verrà presentato sabato 31 luglio alle 18 a Volpara presso l’Anfiteatro Costantino, l’ “Archivio della memoria a Volpara” del Comune di Volpara. Una mostra costituita dalle parole di alcune persone intervistate e da fotografie d’epoca degli archivi familiari Le interviste alle persone del luogo, detentrici del sapere tradizionale e della storia di Volpara della metà del Novecento sono un vero e proprio archivio della memoria locale. Sono stati intervistati alcuni cittadini che hanno raccontato ricordi relativi alle seguenti tematiche: i luoghi e le frazioni di Volpara, le vigne e i vigneti, il moscato e gli antichi saperi. Il progetto è stato volto a valorizzare la cultura immateriale del luogo e a ripercorrere la memoria locale attraverso immagini e parole. Sono anche state raccolte foto d’epoca presso gli archivi familiari e le immagini sono inedite. Le interviste sono state registrate su supporto digitale Il Sindaco di Volpara, Claudio Mangiarotti,  sottolinea: “La memoria del paese è a noi molto cara e, considerando la bellezza e le specialità del nostro comune, vogliamo incentivare gli abitanti – e non solo – a realizzare conservare la nostra identità. Durante le giornate di raccolta delle interviste, abbiamo potuto ascoltare dalla viva voce dei nostri concittadini aneddoti, curiosità e storie, un vero patrimonio da tramandare. Grazie a tutti coloro che hanno avuto la generosità di condividere i loro ricordi. Ora presentiamo il lavoro che abbiamo realizzato, non posso che ringraziare anche coloro che hanno messo a disposizione le immagini d’epoca che permettono di entrare nel vivo della storia. Sabato per Volpara sarà l’occasione per ricordare vicende e luoghi”. Sabato 31 luglio si presenterà la mostra, allestita all’esterno presso l’Anfiteatro di Volpara, adiacente al Tempio del Moscato, in modo da permettere una ampia fruibilità. I pannelli saranno poi conservati in modo permanente presso gli spazi comunali, arricchendo il patrimonio pubblico locale. Il progetto è ideato per la cittadinanza locale, che potrà riappropriarsi dell’identità territoriale, ripercorrendo le vicende storiche e tradizionali del proprio comune. Inoltre il progetto si rivolge alle scuole del territorio, per le quali resteranno sempre fruibili le immagini e le interviste che potranno essere utilizzate per laboratori e progetti didattici. L’archivio della memoria potrà essere fruibile presso il municipio da parte di studiosi e appassionati di storia locale e di sapere tradizionale. Il progetto è stato realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo.

NOTA – QUESTO TESTO È STATO PUBBLICATO INTEGRALMENTE COME CONTRIBUTO ESTERNO. QUESTO CONTENUTO NON È PERTANTO UN ARTICOLO PRODOTTO DALLA REDAZIONE DE: “IL PERIODICO OLTREPÒ” I COMUNICATI STAMPA NON RIFLETTONO NECESSARIAMENTE LE IDEE DELLA REDAZIONE DE “IL PERIODICO OLTREPÒ”, PERTANTO NON CE NE ASSUMIAMO LA RESPONSABILITÀ.

Articolo precedenteOltrepò Pavese – Confluenze Festival arriva a Romagnese
Articolo successivoBroni – L’amministrazione comunale ha raggiunto un equilibrio di bilancio con un avanzo che sfiora i 400mila euro